LA PREVENZIONE INIZIA A TAVOLA

 

Fin dall’antichità Ippocrate diceva che se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo trovato la strada per la salute.

Da sempre si è alla ricerca della giusta alimentazione, del corretto movimento ed, al giorno d’oggi, tale ricerca si fa sempre piu assidua. La tendenza di trattare di alimentazione in ogni momento della giornata e con ogni mezzo, dai mass media ai social network, ci mette di fronte notizie, consigli, pareri che non sempre si basano su fonti o risultati scientifici validi, determinando cosi uno stato confusionale che coinvolge tutta la popolazione.

Al fine di avere una vita sana e lunga, come tutti vorrebbero, è necessario essere a conoscenza di quali siano i nutrienti necessari al nostro organismo e quali invece sia consigliabile eliminare o quanto meno limitarne il consumo.

L’italia, come tutti i Paesi che si affacciano nel Mar Mediterraneo, gode però di una buona educazione alimentare dettata dalla Dieta Mediterranea che si avvicina ad un regime alimentare ottimale.

Questo concetto di Dieta Mediterranea nasce intorno agli anni ’60 del secolo scorso, quando Ancel Keys coniò questo termine in seguito ai risultati dello “Studio delle Sette Nazioni” che dimostrarono che le popolazioni (Italia e Grecia) che si affacciavano nel bacino del Mediterraneo presentavano una ridotta incidenza di malattie cardiovascolari e tumorali in confronto con le altre popolazioni.

Tale effetto era dato da uno stile di vita sano ed un alimentazione che comprendeva una serie di alimenti che, a lungo termine, si sono dimostrati oggetto di prevenzione nei confronti di varie patologie: dal cancro all’intestino, mammella, malattie croniche dell’intestino, infarto del miocardio, malattie cardiovascolari, ma anche ipercolesterolemia, diabete e ipertensione.

Il concetto di Dieta Mediterranea però, non è da intendersi solo ed esclusivamente come un regime alimentare, ma racchiude in sé anche una serie di conoscenze, competenze, tecniche di preparazione di coltivazione che vanno a determinare una particolare qualità agli alimenti. È necessario tenere in considerazione, infatti, che la qualità del cibo industriale dipende dalla sua conservazione, dal suo trasporto e dai suoi costi di produzione. Ma non solo questo, anche le proprietà salutari del cibo sono correlate alla loro stagionalità, modalità di cottura, quantità e modalità di assunzione e le varie abitudini alimentari soggettive e da questo punto di vista, il modello alimentare mediterraneo viene visto come una pratica quotidiana salutare e punto cardine del nostro stile di vita.

Ma cosa prevede nello specifico la Dieta Mediterranea?

Al fine di adottare uno stile di vita sano, la prevenzione non solo è dettata da un’alimentazione equilibrata, ma anche dal praticare in maniera regolare e costante attività fisica che si tratti di una semplice camminata di almeno 30 minuti al giorno o di allenamenti che prevedono uno sforzo fisico più o meno intenso.

La Dieta Mediterranea prevedeva l’assunzione di elevate quantità di alimenti di origine vegetale circa 5-6 porzioni al giorno di frutta e verdura (preferibilmente 2 di verdura e 3 di frutta), cereali integrali e legumi, con l’olio di oliva come principale fonte di grassi, latte, yogurt, pesce fino a 3-4 volte/week, uova e formaggi con moderazione, una bassa assunzione di carne, soprattutto quella rossa, ed infine per quanto riguarda l’alcool era consigliabile bere del vino meglio se rosso, durante i pasti..

Tale alimentazione venne poi rappresentata sotto forma di icona nota come “Piramide Alimentare”, in modo tale da renderla più facilmente intuitiva, con l’aggiunta alla base di tutto ciò che è stato elencato sopra, dell’esercizio fisico.

Vediamo ora, nel dettaglio, quali sono i gruppi alimentari che possono dare all’organismo dei benefici in termini di prevenzione.

1

-Cereali integrali-

Il primo gruppo alimentare comprende i cereali. Il cereale maggiormente utilizzato è il frumento che è completamente diverso da quello che veniva utilizzato un tempo, questo perchè si è cercato di selezionare varietà più produttive con una quantità maggiore di glutine per favorire i tempi di lievitazione e la tenuta della pasta. A discapito di questo però, si sono sviluppate una serie di problematiche alimentari legate ad una difficoltà, da parte di parecchi soggetti, di digerire senza conseguenze, queste elevate concentrazioni di glutine presenti nel pane, nella pasta e derivati cosiddetti “bianchi” ovvero estremamente raffinanti.
A fronte di ciò, negli ultimi anni, si stanno cercando di rilanciare quelli che vengono chiamati “grani antichi” cioè varietà di frumento coltivate localmente che hanno una resa minore ma che a lungo andare hanno dei benefici sulla saluta umana. Tra questi abbiamo il grano saraceno (un pseudocereale), kamut, quinoa, amaranto  e avena, ecc.

Tali effetti benefichi sono stati mostrati con una serie di studi scientifici che provano come l’utilizzo di grani antichi possa ridurre i livelli di colesterolo, lo stato infiammatorio e la funzionalità dell’intestino (14-16).

in modo particolare le sostanze coinvolte sono i polifenoli che con le loro proprietà antiossidanti vanno a rallentare il processo di invecchiamento cellulare proteggendo le cellule dai danni causati dai radicali liberi e i processi infiammatori, specialmente quelli che sono alla base dello sviluppo dei tumori.

-Legumi-

I legumi sono ottenuti dalla famiglie delle leguminose comprendono: piselli, lenticchie, fagioli, lupini, carrube, soja, arachidi, cicerchie.

Dal punto di vista nutrizionale i legumi hanno un contenuto proteico simile o maggiore a quello della carne, contiene una quantità bassa di amminoacidi solforati come la metionina ma, se vengono combinati con altri gruppi alimentare che controbilanciano tale carenza, sono in grado di dare un apporto amminoacidico completo. Un esempio classico è quello di associare i legumi ai cereali in quanto quest’ultimi sono ricchi di metionina, carente nei legumi, e poveri di lisina contenuta invece in concentrazioni elevate nei legumi. Da tale associazione non si avrà nessun tipo di insufficienza amminoacidica.

Gli effetti benefici dei legumi sono dettati dalla capacità di questi di limitare l’assorbimento intestinale del glucosio (37-39), abbassano il colesterolo LDL (colesterolo “cattivo”), aumenta l’HDL (colesterolo “buono”) (40-41), riducono la pressione sanguigna (42), lo stato infiammatorio cronico (43-44).

-Frutta e Verdura-


Consumare frutta e verdura in abbondanza è associato ad una minore incidenza di mortalità, malattie cardiovascolari, respiratorie e dell’apparato digerente.

Questa azione è data dalle sostanze antiossidanti che si ritrovano in questi alimenti ma anche vitamina C ed E, carotenoidi, vitamina B6, flavonoidi e cosi via ognuna delle quali agisce in maniera più o meno diretta sugli organi umani, esercitando un’azione di prevenzione da non sottovalutare.

In questo gruppo di alimenti è d’obbligo soffermarsi su un aspetto molto importante e che riguarda la stagionalità di frutta e verdura. Infatti, negli ultimi anni, a causa delle varie tecnologie alimentari e alle nuove modalità di trasporto degli alimenti, si è messa da parte l’abitudine di consumare vegetali a secondo della stagionalità. Pertanto ci ritroviamo a consumare  frutti che in realtà sono fuori stagione, privi del loro vero sapore, compromettendo così il benessere in generale e sottovalutando anche l’impatto ambientale che questa produzione può avere.

A seconda delle condizioni ambientali il nostro organismo infatti, varia le proprie esigenze e, di conseguenza, le scelte alimentari che facciamo si devono indirizzare a favore di questi bisogni e quindi a vantaggio dell’acquisto di alimenti di stagione.

 

2

 

3

-Pesce –

Il pesce presenta una serie di componenti salutari per l’organismo: particolari proteine, grassi insaturi, vitamina D, omega-3 tra cui EPA e DHA. In modo particolare quest’ ultimi sono contenuti in maniera variabile all’interno di pesci e frutti di mare, ed un consumo abituale di 2-3 porzioni è associato ad una riduzione del 36% della mortalità per le malattie cardiovascolari (140).
Inoltre vari studi clinici hanno dimostrato come ci sia una riduzione dello stato infiammatorio ed un miglioramento in generale del sistema cardiovascolare a livello di frequenza cardiaca, rilassamento del miocardio ma anche minore incidenza di malattia coronarica ed ictus ischemico. (140 sofi)

Oltre al sistema cardiocircolatorio, il consumo di pesce migliora la vista, ha un azione benefica a livello della cute dando protezione ed idratazione alla pelle oltre ad essere fondamentale durante la gravidanza al fine di favorire lo sviluppo cerebrale del feto.

Durante la gravidanza però è bene fare particolare attenzione alla tipologia di pesce che si consuma per evitare di incorrere in situazioni di intossicazione di vari contaminanti tra cui le diossine ed il metilmercurio. Questa sostanza è presente in concentrazioni variabili, in tutti i pesci predatori (pesce spada e alcune specie di tonno), quindi è bene preferire pesci di piccola taglia; mentre le diossine si trovano principalmente nei pesci grassi come per esempio salmone e aringa (48 sofi).

-Olio di oliva –

Altro punto cardine della dieta mediterranea è l’olio di oliva. È il condimento per eccellenza e che per tradizione non deve assolutamente mancare nelle nostre tavole. Ha una serie di vantaggi nutrizionali e salutistici dettati dalla presenza di svariati componenti.

Tra questi, quelli maggiormente presenti sono: l’acido oleico, vitamine A, B, C, D, E, K, ferro, sostanze antiossidanti, polifenoli tra cui l’oleuropeina e, in quantità minori anche carotenoidi, tocoferoli, catechine, fitosteroli che vanno a contrastare lo stress ossidativo e quindi prevengono l’insorgenza di aterosclerosi e malattie degenerative essendo sostanze estremamente antiossidanti.

L’utilizzo dell’olio di oliva all’interno di una dieta, si è visto apportare una riduzione dell’incidenza di malattie cardiovascolari (23 sofi), ma anche una diminuzione della pressione arteriosa ed benefici a livello delle patologie neoplastiche (tumori alla mammella e all’apparato gastrointestinale).
Nel sistema digerente l’olio va a promuovere la stimolazione della produzione di succhi gastrici al fine di migliorare la digeribilità; protegge le mucose dall’elevata acidità presente nello stomaco e riduce il rischio di ulcere gastriche e duodenali.

Ovviamente come per ogni componente della Dieta Mediterranea è giusto farne un utilizzo adeguato, ma costante. Si consiglia infatti di utilizzarlo come principale fonte di condimento fino a raggiungere i 3-4 cucchiai al giorno.

-Vino rosso-

 Ultimo caposaldo della dieta mediterranea è il vino rosso, che presenta più di 250 componenti: zuccheri, acidi, vitamine, sali minerali, sostanze fenoliche. In modo particolare i polifenoli esercitano, come detto anche nei punti precedenti, un’azione antiossidante ed il contenuto varia in base al tipo di vino e dalle tecniche di vinificazione che vengono utilizzate.

Da evidenziare è la presenza di un particolare composto chiamato: resveratrolo ovvero un fenolo non flavonoide che si ritrova a livello della buccia dell’acino d’uva. Oltre ad avere attività antiossidante presenta anche attività antiinfiammatoria, previene patologie cardiovascolari. In alcuni studi recenti si è dimostrato come il vino rosso possa avere un effetto antitumorale dovuto non solo all’azione specifica del resveratrolo ma anche grazie alla presenza di altri componenti.

Anche in questo caso la quantità è fondamentale al fine di non avere effetti avversi e, secondo le ultime Linee Guida, il consumo di bevande alcoliche sono di 2-3 bicchieri di vino al giorno per gli uomini e 1-2 per le donne.

Concludendo possiamo affermare che soprattutto per un Paese come l’Italia, è assolutamente raccomandabile seguire uno stile di vita alimentare basato sulla Dieta Mediterranea riconosciuta il 17 settembre 2010, dall’UNESCO come un patrimonio culturale immateriale di Italia, Grecia, Spagna e Marocco.

Questo modello alimentare deve essere visto come un vero e proprio stile di vita da adottare, in grado di apportarci tutti i componenti utili al nostro organismo ed, oltre a questo, esercita una serie di azioni preventive che ci indirizzano verso uno stato di buona salute ed una certa longevità.

Come spiegato inizialmente alla base si deve praticare dello sport/ del movimento che si è visto essere fattore fondamentale per prevenire lo sviluppo di una serie di disturbi e/o patologie correlate, molto frequentemente, alla sedentarietà ed alla mancanza di attività fisica soprattutto durante la pubertà e l’adolescenza.

In concomitanza con questo aspetto l’attenzione si deve porre a tavola, cercando di adottare un vero e proprio stile di vita, duraturo e non solamente una cosa temporanea.
È bene, infine, ricordare di non seguire mai piani alimentari standard che si reperiscono facilmente tramite internet, amici, parenti, ecc. ma è bene affidarsi a degli specialisti che, con le loro competenze acquisite, sanno identificare quali siano le richieste di ogni singolo soggetto con le varie problematiche ad esso associate.

Dott.ssa Valentina Verzé

Laurea triennale in Scienze della Nutrizione conseguita presso l’Università degli Studi di Urbino con una tesi compilativa dal titolo: “Proprietà antiossidanti degli antociani e le interazioni farmacocinetiche con i farmaci”.

Laurea magistrale in Scienze dell’alimentazione conseguita presso l’Università degli Studi di Firenze con una tesi sperimentale dal titolo: “Sindrome Fibromialgica e alimentazione: correlazione e necessità di nuovi approcci integrati.”

Clicca qui per scaricare il file in pdf – Articolo Verzé Settembre

 

 

2 thoughts on “LA PREVENZIONE INIZIA A TAVOLA”

  1. PAOLO SCARSELLA says:

    Con la presente Vi comunico con immenso piacere che dal 1 ottobre 2017 la dott.ssa Ballerini si è trasferita presso il Centro Multidisciplinare di Terapia del Dolore della USL Toscana Centro.
    per prenotazioni CUP 840 003 003 conrichiesta di “visita algologica per fibromialgia”
    Si prega di modificare le informazioni sul sito
    Grazie
    Dott. Paolo Scarsella

    1. admin says:

      Buongiorno Dott. Scarcella,
      la ringrazio per la cortese segnalazione,
      provvederemo al più presto a variare le indicazioni riportate sulla nostra pagina.
      Cordiali saluti
      Luca Sani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *